Fotogallery Menu

Seguimi su Facebook

La mia attività al Senato

Senato.it - Monica CIRINNA' - XVII Legislatura
Attività svolta nel corso della legislatura
Senato.it - Monica CIRINNA' - XVII Legislatura
  • Intervento su DDL
    2ª Commissione permanente (Giustizia) in sede consultiva (seduta pom. n. 309)
    S. 2217 Disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro in agricoltura
  • Intervento su DDL
    2ª Commissione permanente (Giustizia) in sede referente (seduta pom. n. 305)
    S. 1978 Modifiche all'articolo 28 della legge 4 maggio 1983, n. 184, e altre disposizioni in materia di accesso alle informazioni sulle origini del figlio non riconosciuto alla nascita
  • Presentazione disegno di legge (cofirmatario)
    S. 2426 Disposizioni per l'iscrizione all'anagrafe dei nuovi nati

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter. Inserisci i tuoi dati prestando attenzione all'indirizzo di posta
Home
Celebrazioni unioni civili e decreti attuativi PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

Leggo in Rete notizie sulla celebrazione delle prime unioni civili. Per chiarezza preciso che la scadenza prevista dalla legge 76/2016 per l'emanazione dei decreti attuativi è quella del 5 luglio.
Sono sicura che il Consiglio dei ministri saprà rispettare tale scadenza per permettere la piena entrata in vigore dei diritti per tanti cittadini che attendono il riconoscimento normativo del loro amore. 

L'entusiasmo è sempre positivo ma le fughe in avanti sono pericolose.

 
Appuntamenti di Giugno PDF E-mail
L'Impegno Politico - Partito Democratico

La Spezia,  30 Giugno 2016 - Ore 18.00 

Palazzo delle Provincia - Sala del Consiglio

La legge Cirinnà - Più diritti per una società più giusta

Con Monica Cirinnà e il Ministro della Giustizia Andrea Orlando

Leggi tutto...

Signa,  30 Giugno 2016 - Ore 21.30 

Festa dell'Unità

 

Leggi tutto...

 

Leggi tutto...
 
Cirinnà: Da Cassazione ok diritti bambini Arcobaleno PDF E-mail
Sala Stampa - Rassegna stampa unioni civili

Legge legittima e giusta, senza tradimento M5S non ci sarebbero ricorsi

“La Cassazione stabilisce finalmente che quanto abbiamo sostenuto, e purtroppo dovuto stralciare, dal testo delle unioni civili non soltanto è legittimo ma sopratutto è giusto”. Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà. “In Italia la giurisprudenza non ammette discriminazioni tra bambini – ricorda – nè per il modo in cui sono nati, nè per l’orientamento sessuale dei loro genitori.

A chi dice “difendiamo i nostri figli” rispondo “difendiamo tutti i figli”. Perchè i bambini sono tutti uguali, meritano tutti gli stessi diritti e la stessa dignità”. “A chi afferma – aggiunge – che in Italia è in corso una sovversione antropologica dico, con grande rispetto, che si è solo all’inizio di un percorso normativo, richiestoci ripetutamente dalla Corte europea e dalla nostra Corte costituzionale, che riconosca pienamente diritti e uguaglianza a tutte le famiglie” “Sul testo delle unioni civili – conclude Cirinnà – per il ben noto tradimento M5S, abbiamo dovuto “decidere di non decidere” su un punto fondamentale. 

Oggi la sentenza della Corte di Cassazione riconosce che era giusto tutelare i bambini delle famiglie Arcobaleno, riparando parzialmente il buco che era rimasto nella legge e nel mio cuore”.

http://www.senatoripd.it/giustizia/cirinna-cassazione-ok-diritti-bambini-arcobaleno/

 
Il Sole 24 Ore: Unioni civili, matrimoni e convivenze. Ecco cosa cambia in un grafico PDF E-mail
Sala Stampa - Rassegna stampa unioni civili

Cosa cambia con la legge sulle Unioni Civili? Lo spiega il quotidiano "Il Sole 24 Ore"  con questa infografica.


Leggi tutto...

 
Unioni Civili: ad eventuale referendum italiani voteranno per i diritti PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> Unioni Civili

Leggi tutto..."La migliore risposta possibile ai promotori del referendum contro le unioni civili, qualora dovesse mai celebrarsi, verrà direttamente dagli italiani la gran parte dei quali non intende far fare passi indietro al nostro Paese sul fronte dei diritti, proprio ora che ci siamo riavvicinati al resto d'Europa.
Ogni qualvolta gli italiani sono stati chiamati a decidere se confermare o abrogare leggi che ampliavano i diritti hanno sempre scelto di rendere l'Italia un Paese più libero, democratico e inclusivo.
Poichè la legge sulle unioni civili rispetta pienamente la sentenza 138 del 2010 della Corte costituzionale non credo che la stessa Corte che ha chiesto al Parlamento di provvedere 'con estrema sollecitudine' al riconoscimento delle coppie e della vita familiare di persone dello stesso sesso, possa colpire una norma attesa da 30 anni che finalmente dà riconoscimento e dignità a milioni di italiani discriminati solo per il loro amore".
Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà. 

 
Diversity Media Awards PDF E-mail
Sala Stampa - Rassegna stampa unioni civili

A Milano ho partecipato alla cerimonia per la prima edizione dei Diversity Media Awards, iniziativa che sceglie tra i media chi meglio ha valorizzato temi legati al mondo LGBT. Il premio di personaggio dell'anno è stato assegnato a Laura Pausini.

 
Comunali: Cirinna' a Raggi, s'informi prima di parlare sui canili PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> per gli Animali

"La candidata Raggi, prima di affrontare temi amministrativi complessi e di citare fatti e persone, dovrebbe studiare i dossier o almeno farsi spiegare come stanno le cose. Riguardo quanto afferma sui canili comunali, la informo che fui proprio io, in qualità di Delegata per la tutela degli animali, a indire, per la prima volta nella storia del Comune di Roma, due manifestazioni di interesse pubblico: la prima nel 2004 e la seconda nel 2008.

Una gestione limpida, trasparente e con l'unico interesse del benessere degli animali. Poi è venuta l'amministrazione Alemanno che non solo non ha dato seguito all'applicazione della gara del 2008, ma non ha compiuto nessun altro atto amministrativo. In pratica non ha fatto nulla. Mentre gli atti della Giunta successiva o sono state impugnate o sono andate deserte. Se la candidata Raggi ha a cuore il tema degli animali romani le suggerisco di studiare un po' meglio così da evitare di essere indotta in errori clamorosi".  Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà.

 
Unioni civili: raid di Forza nuova a dibattito con Cirinnà a Gaeta PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> Unioni Civili

Nel corso di un dibattito con Monica Cirinnà presso la Sala Convegni di Serapo, vicino Gaeta, hanno fatto irruzione 12 neofascisti con giubotti mimetici, conosciuti come appartenenti a Forza Nuova, che hanno srotolato uno striscione e urlato slogan contro la senatrice del Pd e la legge sulle unioni civili. Il pubblico presente all’incontro, oltre 100 persone, ha reagito e, dopo alcuni momenti concitati, il gruppo è stato sospinto verso l’uscita. Sul posto sono arrivati gli agenti della Digos che stanno indagando per identificare i partecipanti al raid.

“Dopo l’aggressione al Gay Center di Roma, oggi Gaeta. Mentre il nostro Paese svolta sui diritti civili c’è un preoccupante rigurgito neofascista al quale i cittadini rispondono però con fermezza democratica. Auspico che le forze dell’ordine vigilino perchè episodi simili non si ripetano. E’ quanto mai urgente che il Parlamento approvi al più presto la legge sull’omofobia per configurare questo reato e punire adeguatamente simili comportamenti”, ha commentato la sen. Cirinnà.

 
OMOFOBIA: Aggressione a gaycenter è neonazismo PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> per la Società

Anche da destra venga condanna chiara e inequivocabile

“La violenta aggressione avvenuta contro il Gay Center di Roma e il suo portavoce è un atto vigliacco e di estrema gravita che introduce nella campagna elettorale della Capitale preoccupanti pulsioni fasciste. Questi atti dimostrano ancor più quanto sia urgente l'approvazione di una legge sull'omofobia come giusto corollario a quella sulle unioni civili.
Mi auguro che la polizia postale e la Digos facciano il proprio lavoro per identificare al più presto i colpevoli perchè azioni di questo non vanno sottovalutate poiché diffondono una cultura omofoba già abbondantemente strisciante. Mi aspetto che anche dagli esponenti della destra istituzionale in Parlamento venga una ferma e inequivocabile condanna perchè il nostro Paese e, in particolare Roma città medaglia d'oro della Resistenza, non debba mai più subire offese così gravi che colpiscono tutti i cittadini.
Nessuno deve tollerare che una campagna elettorale possa essere condotta con metodi neonazisti”. 

Leggi tutto...

 
Repubblica.it: Unioni Civili, Cirinnà e Lo Giudice in piazza: "Da qui non si torna indietro" PDF E-mail
Sala Stampa - Rassegna stampa unioni civili

Anche i senatori Pd Monica Cirinnà e Sergio Lo Giudice - protagonisti della battaglia al Senato per il ddl sulle unioni civili - hanno raggiunto piazza Montecitorio dove i manifestanti Lgbt si sono riuniti in attesa del voto finale sul provvedimento alla Camera. Cirinnà ha risposto al promotore del Family Day Massimo Gandolfini secondo cui chi ha protestato contro il riconoscimento delle coppie dello stesso sesso si ricorderà delle azioni del governo al momento del referendum costituzionale. E ai M5S che hanno parlato di occasione persa, Cirinnà risponde: "E' un'occasione persa da loro, si sono dimostrati inutili e di destra"

 

 
Cirinnà: “Dopo tanti attacchi sono finalmente felice. E ora nuove battaglie” PDF E-mail
Sala Stampa - Rassegna stampa unioni civili

Sembra che sia passata una vita da quando si è iniziato a parlare di diritti per le coppie omosessuali in Italia e oggi, dopo anni di rinvii e di battaglie: finalmente ci siamo. Le unioni civili sono legge. Un traguardo che arriva dopo un complesso percorso parlamentare, lungo il quale si sono dovuti lasciare anche dei pezzi fondamentali della legge, primo fra tutti l’articolo 5 sulla stepchild adoption. È il “buco nel cuore” della senatrice pd Monica Cirinnà, prima firmataria della legge, che già guarda al prossimo obiettivo, quello del riconoscimento della genitorialità e del matrimonio egualitario. Con lei abbiamo parlato del lungo lavoro fatto, delle delusioni, ma anche delle tante soddisfazioni: tutte parti di un lungo percorso politico, ma anche molto, molto personale.

Allora, senatrice Cirinnà, dopo tanto lavoro finalmente le unioni civili sono legge. Cosa prova?

Grande soddisfazione e grande felicità. È bello, dopo tre anni di lavoro, vedere finalmente un risultato per il nostro Paese. È un primo passo importante, storico, dopo 30 anni nei quali il Parlamento aveva solo rimandato, frenato, eluso. Anche se resta quel “buco nel cuore”: l’assenza del riconoscimento della genitorialità e dei bambini delle famiglie arcobaleno. So, però, che questo è solo il primo passo per far diventare l’Italia civile e per metterla al passo con l’Europa, e che dobbiamo comunque andare avanti sul riconoscimento della genitorialità e arrivare al matrimonio egualitario.

Sarà quello il suo prossimo obiettivo?

Leggi tutto...
 
Un gran giorno per il nostro paese PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> Unioni Civili

Questo 11 maggio è un gran giorno per il nostro Paese e per la nostra democrazia. Un momento storico che segna il passo sul tema dei diritti in Italia: passiamo dal diritto di famiglia al diritto delle famiglie. Da oggi cambierà la vita di molte persone e sono certa che questa legge porterà felicità a chi fino ad ora non l'ha avuta. 
Da oltre 30 anni l'Italia aspettava di fare questo passo un primo passo, ma un passo importante. Il Parlamento ha per troppo tempo ignorato la richiesta di diritti e di dignità che veniva dalla coppie di persone dello stesso sesso, non legittimando l'esistenza di tanti cittadini e delle loro scelte di vita. Non potevamo più attendere, non potevamo far passare altro tempo da quando nel lontano 2010 la nostra Corte Costituzionale con la sentenza 138 chiese al Parlamento di provvedere con "estrema sollecitudine" al riconoscimento delle coppie omosessuali. 
Nonostante arrivassimo con questo enorme ritardo c'è stato addirittura chi in Parlamento ha lamentato ancora con sfacciataggine l'assenza di confronto. Sono grata a tutti coloro che hanno lavorato in Parlamento per arrivare a questa legge pur nella delusione di non aver dato una risposta completa a tutti. Abbiamo fatto un passo e altri se ne faranno. Il mio pensiero va anche a tutti coloro che hanno messo in gioco la loro vita e le loro storia d'amore lottando al nostro fianco, penso anche a chi è rimasto schiacciato dalla paura, dalla discriminazione e dall'omofobia. Penso con amore e riconoscenza alle famiglie arcobaleno che ancora subiscono discriminazioni.

 
Unioni Civili: Cirinna' (PD), e' piu' grande cambiamento nei diritti PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

Palermo, 8 apr. (Adnkronos) - "Lo stato non deve entrare nella camera da letto delle persone, deve fare leggi di libertà e riconoscere ai cittadini la possibilità di scegliere quale abito ritiene più giusto indossare. Penso che stiamo portando il cambiamento più grande che  potevamo portare nell'ambito dei diritti civili: stiamo passando dai diritto di famiglia al diritto delle famiglie". Lo ha detto la senatrice del Pd e relatrice del ddl sulle Unioni civili Monica  Cirinnà parlando dal palco della Leopolda sicula, in corso a Palermo. 

La senatrice, augurandosi che il ddl sia approvato dalla Camera entro maggio, ha precisato che "la strada è ancora lunga. Manca la legge sull'adozione, manca la legge sull'omofobia, ma non ci fermeremo". Sul ddl ha aggiunto: "E' incostituzionale non fare questa legge, è incostituzionale continuare a tenere nell'ombra e in assenza di diritti due persone dello stesso sesso che si amano. Siamo in uno strano paese, in cui due uomini o due donne sono discriminati solo perché non appartengono a quelli che molti ritengono la famiglia normale

 
Per tutti coloro che mi hanno scritto PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> Unioni Civili

E' passata qualche settimana dal voto del Senato sulle unioni civili e trovo ora il tempo di fare il punto sui pensieri e sulle emozioni di questo periodo. Sono stati giorni nei quali ho avuto il tempo di leggere i tanti messaggi che ho ricevuto. Di chi ha espresso felicità perchè sente che la legge aprirà nuove solidità e sicurezze alla propria vita affettiva e familiare, ma anche di coloro che mi hanno comunicato le loro critiche, disappunto e delusione. Oltre a qualche messaggio di attacco, se non d'insulto. 

Ho letto tante testimonianze che mi hanno fortemente emozionato, vedere che una legge sulla quale ho lavorato tanto intensamente per 2 anni ha degli effetti così concreti nella vita di tante coppie continua a colpirmi nel profondo. Così come ho avuto modo di riflettere sugli argomenti di chi si è professato deluso perchè non sono stati raggiunti tutti i risultati prefissati.

Leggi tutto...
 
La Repubblica:"La nuova breccia di Porta Pia" PDF E-mail
Sala Stampa - Rassegna stampa unioni civili

Leggi tutto...Amiche ed amici, 
pubblico questo interessante articolo di Francesco Merlo sulle unioni civili, uscito su "La Repubblica" di oggi e dal titolo:"La nuova breccia di Porta Pia".

Leggi tutto...
 
Intervento in aula del Senato sulla fiducia al ddl Unioni Civili PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> Unioni Civili
Monica Cirinnà - Discorso Conclusivo Senato

Comunque la pensiate adesso, ascoltate questo discorso. Contiene tutto quello che è successo in questi due anni e nelle ultime settimane per arrivare fino a qui. Tutta la sincerità e la stanchezza, tutta la sofferenza, non solo della Senatrice Cirinnà, ma di chi in prima linea si è impegnato per portare avanti la battaglia dei diritti. Contiene tutte le spiegazioni anche ai dubbi che in queste ore circolano riguardo obbligo di fedeltà e altre questioni simili. Adesso da qui si riprende. Da questa sofferenza e da questo innegabile importante risultato. Da oggi, cittadini fino a ieri invisibili, avranno cittadinanza per lo Stato Italiano. Ci basta? Assolutamente no, è solo l'inizio. E da questo inizio ripartiamo tutti insieme.

Pubblicato da Diritti Democratici su Giovedì 25 febbraio 2016

Oggi l'Italia apre una nuova pagina del Diritto di famiglia, portando  diritti a  tutte quelle coppie formate da persone dello stesso sesso che già esistono per la società ma non agli occhi del Diritto.

Penso ai due milioni e mezzo di cittadini italiani che hanno scelto di intraprendere un percorso di vita in coppia senza sposarsi o unirsi civilmente:, coppie di fatto cui questa legge riconoscerà finalmente dignità e diritti.

L'italia non sarà più ultima in tema di diritti civili.

Un buon risultato ma solo un primo traguardo, altri ne dovremo superare con lo stesso impegno e la stessa determinazione.

Il Pd ha creduto in questa legge a tal punto da tentare di andare oltre quei confini, che raramente si superano, tra maggioranza e opposizione, mettendo da parte convenienze e protagonismi e ponendo al centro l'interesse dei cittadini.

Abbiamo vissuto ore terribili nelle ultime settimane, ore nelle quali posizioni ideologiche, tatticismi e calcoli politici hanno costretto il governo alla decisione più difficile, ma anche la più coraggiosa: porre la fiducia sul miglior testo possibile alle condizioni date dai numeri di questo Senato. Ripeto, il PD ha creduto in questa legge. La nostra volontà era chiara, era scritto nel premissivo Marcucci: un nuovo istituto giuridico, le unioni civili, con pienezza di diritti e doveri reciproci all'interno della coppia e il riconoscimento dell'estensione della responsabilità genitoriale attraverso l'applicazione della lettera b dell'articolo 44 della legge sulle adozioni.

Leggi tutto...
 
www.monicacirinna.it - Monica Cirinnà - Senatrice della Repubblica per il Partito Democratico. Template basato su sorgente della Next Level Design

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookies e per sapere come bloccarli, vedi la nostra cookies policy.

Accetto i cookies da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information