Fotogallery Menu

Seguimi su Facebook

La mia attività al Senato

Senato.it - Monica CIRINNA' - XVII Legislatura
Attività svolta nel corso della legislatura
Senato.it - Monica CIRINNA' - XVII Legislatura

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter. Inserisci i tuoi dati prestando attenzione all'indirizzo di posta
Home
La Raggi come Alemanno, nessun rispetto per le donne in politica. PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> per Roma

Leggi tutto...

Cancellare con un tratto di penna una battaglia vinta sulla parità di rappresentanza condotta per tutte le cittadine romane dimostra quanta poca attenzione abbia questa giunta per le tematiche di genere e più in generale per la democrazia, di cui quella paritaria è una componente fondamentale.
In allegato l'articolo de La Repubblica sulle quote rosa e sul nuovo statuto, il mio intervento sulle quote rosa in Campidoglio durante la giunta Alemanno (2 parti).

I parte

II parte

 

Se vi interessa allego anche al replica dell'allora Sindaco,così potrete ascoltare come non ci sia alcuna differenza tra Alemanno e la Raggi.

Leggi tutto...
 
Animali: Cirinna', non basta un sondaggio, bisogna sporcarsi le mani PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

Leggi tutto...A Repubblica.it: "i diritti degli animali non sono di un partito o non si uniscono forze"


"Le battaglie sui diritti degli animali si ascrivono al più ampio settore delle politiche sociali e ambientali e si fanno trasversalmente, fuori da ogni etichetta. Solo in quel caso riescono ad aggregare". Lo dice la senatrice del Pd Monica Cirinnà in un'intervista a Repubblica.it commentando l'iniziativa di Michela Brambilla.
"Le auguro la fortuna che merita, ma penso che per fare ambientalismo o animalismo non bisogna stare per forza dietro un leader più o meno appannato come è ormai Berlusconi".
E aggiunge: "basta tenere un braccio un agnellino a Pasqua per essere immediatamente animalista? O bisogna piuttosto aver partecipato alla liberazione dei beagle di Green Hillcome ho fatto io, concorso alla creazione del canile più bello d'Europa quando ero consigliera comunale a Roma, aver fatto nella Capitale il più grande regolamento di tutela degli animali copiato poi in tanti altri comuni italiani?"."Se basta un sondaggio per far nascere un nuovo movimento allora possiamo inventarci soggetti politici di ogni tipo. Facciamo il partito degli immigrati, quello si che avrebbe un miliardo di voti. Personalmente fonderei il partito delle mogli dei mariti che russano. Stanotte ho dormito per terra in soggiorno per disperazione".E conclude Cirinnà: "Vogliamo fare politiche animaliste? Allora andiamo per strada, sporchiamoci le mani, occupiamoci degli anziani soli che vanno aiutati a prendersi cura dei propri animali". 

 
Animalisti, Cirinnà (Pd): Repubblica.it:"La difesa degli animali non è di nessun partito" PDF E-mail
Sala Stampa - Rassegna Stampa

La senatrice democratica risponde alle critiche di chi accusa la sinistra di aver ceduto a Berlusconi i temi ambientali: "Se bastasse un sondaggio per inventarsi un nuovo soggetto politico, allora farei il partito delle mogli dei mariti che russano"

ROMA - "Su tutti i temi che hanno a che fare con ambiente, biodiversità e animali si può sempre fare di più. Il punto è che questi argomenti non possono e non devono appartenere a un solo partito politico. Esattamente come quando si parla di diritti civili e umani". La senatrice del Pd Monica Cirinnà, promotrice del ddl sulle Unioni civili nonché storica animalista, risponde alle critiche di quanti accusano il Pd di essersi fatto "sfilare" dalla destra temi tradizionalmente di sinistra, come l'animalismo e l'ambientalismo.

 
La difesa degli animali, allora, da che parte sta?
"Le battaglie sui diritti degli animali si ascrivono al più ampio settore delle politiche sociali e ambientali e si fanno trasversalmente, fuori da ogni etichetta. Solo in quel caso riescono ad aggregare".
 
Quindi un partito animalista in sé non serve a nessuno?
"Non ha senso. Auguro a Michela Brambilla la fortuna che merita, ma penso che per fare ambientalismo o animalismo non bisogna stare per forza dietro un leader più o meno appannato come è ormai Berlusconi".

Leggi tutto...
 
Appuntamenti a Roma - 23 Maggio PDF E-mail
L'Impegno Politico - Partito Democratico

Leggi tutto...

Martedì 23 Maggio alle 18.30 vi aspetto in via dei Cappellari 69 a Roma per "Unioni Civili - Un anno dopo la legge".
Non mancate!

 
Omofobia: Cirinna', urgente approvazione della legge PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> Unioni Civili

Leggi tutto..."Il tema dell'omofobia è purtroppo ancora un problema nel nostro Paese. L'approvazione delle leggi sulle unioni civili ha fatto fare un notevole passo avanti sociale e culturale all'Italia, ma vi sono ancora troppi episodi di violenza fisica e verbale a causa dell'orientamento sessuale delle persone. Così come l'ok di oggi alla legge sul cyberbullismo è da vedere come un ulteriore elemento positivo, ma resta quanto mai urgente che il Parlamento vari al più presto una legge che sanzioni pesantemente questi comportamenti, così come sollecitato anche dal presidente Mattarella". Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà.

 
Tortura: Cirinnà, traguardo importante, ora Camera dia rapido ok PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

Leggi tutto...Abbiamo raggiunto un traguardo importante: quello di veder riconosciuto anche in Italia il reato di tortura. E' un passo di civiltà giuridica a tutela dei cittadini. Molti sono i casi in cui questo reato può essere posto in atto, è avvenuto contro anziani, bambini, portatori di handicap, ma anche contro soggetti, per esempio, sequestrati o assoggettati dalle organizzazioni criminali e mafiose. Particolare attenzione è stata poi posta al fine di non ostacolare l'attività delle forze dell'ordine, ma allo stesso tempo si è voluto fare chiarezza affinchè non vi possano essere comportamenti che prevalichino la legge. Mi auguro che la Camera giunga al voto definitivo in tempi brevi perchè il Paese non può attendere oltre". Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà.

 
Ciao Lupo PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> per gli Animali

Leggi tutto...

Parlare di te al presente non è un errore, è l'unico modo per rappresentare ciò che ancora sei: una costante presenza nella vita della nostra famiglia. Le tue foto sono ovunque, nella mia smart, nel portafoglio di Est, a casa dei nonni.
Se dopo 10 anni sei ancora cosi presente è perchè sei un amore eccezionale, perchè hai un carattere straordinario e sei, forse, alla tua seconda vita.

Sei morto 10 anni fa, spero senza soffrire, sei morto lontano dal nostro amore, ma senza abbandonarci sei spesso tornato a farti vedere in luoghi dove trovarti sarebbe stato impossibile, a riprova che quella apparizione era "magica" e, quindi, potevi essere solo tu.

Il ricordo più vivo che ho di te è quando tornavi dal bosco, dopo aver combattuto e cacciato, stanco, affamato e bisognoso di attenzioni.La tua voce roca e profonda e le tue fusa dolcissime prima di dormire sul nostro letto per ore. Ricordo la tua sfrontata lotta con l'istrice, la tua caccia ai piccioni sui beverini dei cavalli, le tue notti sul pagliaio e io, sotto la pioggia e al gelo, che mi arrampicavo sui balloni per cercarti e farti tornare a dormire in casa.Chi più ama più soffre e con te è stato così: ti abbiamo amato più degli altri anche per questo tuo indomabile amore per la libertà che alla fine ti ha portato via.Ma tu resti e ci sei nei ricordi, nel cuore e nei tanti racconti. E solo chi viene ricordato vive per sempre, qualunque essere vivente sia stato.

Ciao Lupo

 
Unioni Civili: una legge che ha dato uguaglianza e dignità sociale PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> Unioni Civili

"La legge sulle unioni civili compie oggi un anno di vita dalla sua approvazione in Parlamento, benchè la vita amministrativa sia di solo 8 mesi, infatti le prime celebrazioni sono cominciate i primi di agosto dello scorso anno. "Uno, nessuno, centomila" in Italia sono finalmente presenti nell'ordinamento giuridico cittadini lgbt, prima inesistenti per lo Stato. Tutti hanno diritto all'eguaglianza e alla pari dignità sociale ed è per questo che ora il Paese deve proseguire il suo cammino di sviluppo culturale, sociale e dei diritti superando le ultime barriere, le resistenze e i pregiudizi che ancora rimangono, in particolare sulla genitorialità. Il bilancio di questi primi mesi di applicazione è indubbiamente positivo e dimostra quanto il Paese attendesse il riconoscimento di una trasformazione sociale ormai consolidata da tempo. Resta la soddisfazione, come Parlamento, di aver risposto a un'esigenza che veniva dal tessuto sociale, portando felicità, sicurezze e tutele a tante nuove coppie e famiglie". Lo ha dichiarato la senatrice del Pd Monica Cirinnà a margine della conferenza stampa "Unioni civili, un anno dopo".

 
Da 0 a migliaia, nessuna frenata. PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

Leggo con stupore che un importante quotidiano ha affermato che 2800 unioni civili in Italia sarebbero un flop. Se fosse vero il numero – e lo verificheremo nei prossimi giorni con i dati ufficiali – credo che, invece, sia un fatto straordinario. Per almeno due motivi.

Innanzitutto è il segno che in un Paese nel quale i casi di omofobia non sono affatto isolati, ci sono migliaia di persone che hanno avuto il coraggio di compiere un atto aperto, alla luce del sole, per riaffermare di essere cittadini con pieni diritti.

In secondo luogo, si tratterebbe comunque di cifre che sarebbero in linea con i dati di tutti gli altri grandi Paesi europei.

La verità è che il nostro Paese, fino un anno fa, non riconosceva alcun diritto alle coppie dello stesso sesso e, quindi, le unioni civili erano pari a 0, se ad oggi ne sono state celebrate qualche migliaio come si fa a parlare di frenata? Rispetto a cosa? Allo zero?

Leggi tutto...
 
Alitalia - Cirinnà: Dalla Lombardi balle a 5 Stelle, la proposta è del Comune di Fiumicino PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

“Ormai siamo abituati alle balle a 5 Stelle, ma oggi la Lombardi ha superato se stessa. Ha spacciato per sua – in un’intervista a La Repubblica – una proposta di piano industriale per Alitalia votata, invece, all’unanimità dal Consiglio comunale di Fiumicino (come è facilmente dimostrato dall’allegato Proposta di partecipazione Statale). La totale mancanza di idee si accompagna, quindi, alla bugia e allo scippo politico. Nella sua frenesia di contrastare il vuoto silenzio della sindaca Raggi, l’on. Lombardi ha dimostrato tutta la sua pochezza. Ma – si sa – le falsità hanno le gambe corte, anzi cortissime. Cara Roberta, se ci riesci, elabora una tua proposta. Altrimenti evita di ricorrere a mezzucci davvero miseri che, per altro, vengono facilmente scoperti”. Lo scirve in un post su Facebook la senatrice del Pd Monica Cirinnà

 
PD: Cirinna’, unire diritti civili e sociali giusta via da fare insieme PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

“Il richiamo che ha fatto Andre Orlando a unire l’impegno per i diritti civili e per quelli sociali è la giusta strada per una società più giusta e inclusiva. La lotta alle diseguaglianze passa e deve continuare a passare attraverso uno sforzo di elaborazione politica che veda le persone al centro della vita di una comunità. Il Pd, con la sua vita democratica, sta ancora una volta dimostrando di essere l’unico partito veramente aperto e plurale del nostro Paese, una risorsa preziosa e seria per governare questi anni difficili e complessi. E’ importante che le primarie siano un momento di incontro popolare per poi, dal 1° maggio, proseguire insieme un lavoro di grande responsabilità nell’interesse dei cittadini e dell’Italia”. Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà

 
Siria - Cirinna': contro barbarie rafforzare diritti, serve impegno PD PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

"In un mondo dove i conflitti raggiungono livelli drammatici, come le recenti vicende siriane ci raccontano, ogni Paese democratico ha l'obbligo di rafforzare lo stato di diritto passando innanzitutto attraverso norme che consolidino i diritti civili e umani. Su questo terreno l'Italia ha ancora importanti passi da fare ad iniziare dall'inserimento del reato di tortura, un testo da troppo tempo fermo in Parlamento, il riconoscimento dello ius soli e una legge contro l'omofobia. Questo deve essere l'orizzonte alto del Pd e la scelta di Orlando di puntare sull'idea che sia indispensabile accompagnare l'azione di sostegno sociale ad una nuova stagione dei diritti credo vada nella giusta direzione". Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà

 
GPA: Cirinna' (pd), stupita da gravi affermazioni della Fattorini PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

"Leggo con grande stupore e indignazione sul quotidiano Avvenire alcune affermazioni dalla collega Fattorini, che riecheggiando le dichiarazioni fatte in aula dal senatore Gasparri, durante il drammatico dibattito sulle unioni civili, entra a gamba tesa nella vita privata e familiare di colleghi senatori formulando giudizi gravemente lesivi della loro dignità e soprattutto di quella dei loro figli.

Leggi tutto...
 
Aborto - Senatori Pd: Serve legge per concorsi riservati a medici non obiettori PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

Zingaretti ha aperto una strada giusta, i diritti non possono restare inapplicati. Presenteremo ddl

“Il governatore del Lazio Zingaretti e il direttore generale dell’ospedale San Camillo di Roma hanno percorso la strada più giusta per riconoscere diritti sanciti da una legge dello Stato: quelli delle donne alla tutela della salute e ad avere accesso all’interruzione volontaria di gravidanza. La legge sull’obiezione di coscienza non è in discussione e viene ampiamente attuata, tanto è vero che in Italia 7 medici su 10 sono obiettori. Prevedere una riserva concorsuale non significa operare una discriminazione, ma dare piena attuazione alla legge 194, attraverso una procedura per assumere le persone giuste al posto giusto, come avviene normalmente in altri settori. E’ da un anno che diciamo che serve una legge nazionale per disciplinare concorsi come quello bandito al San Camillo. Abbiamo già pronto un disegno di legge per regolamentare la riserva concorsuale per i medici non obiettori. Abbiamo intenzione di presentarlo al più presto e di chiederne la rapida calendarizzazione”. Lo dicono i senatori del Pd Monica Cirinnà, Sergio Lo giudice e Beppe Lumia, componenti della Commissione Giustizia, che aggiungono: “chi si oppone dovrebbe lavorare per attuare la legge 194 in tutti i suoi aspetti, comprese le politiche di prevenzione dell’aborto e per una gravidanza consapevole. Con la salute delle donne non si scherza e un diritto non può essere riconosciuto solo sulla carta, ma non nei fatti”.

http://www.senatoripd.it/giustizia/senatori-pd-serve-legge-concorsi-riservati-medici-non-obiettori/

 
Senatrici Pd: Votiamo la fiducia ma profondo disagio su sperimentazione animale PDF E-mail
Sala Stampa - News e Comunicati Stampa

“Il voto di fiducia al decreto Milleproroghe è da parte nostra scontato. Il testo contiene proroghe molto importanti che coinvolgono direttamente cittadini, imprese ed enti locali. Resta però il profondo disagio per come ancora una volta il Senato abbia affrontato il tema della sperimentazione su ratti e topi dimostrandosi distante dal sentimento della stragrande maggioranza degli italiani che da tempo si dichiarano contrari alla vivisezione”. Lo scrivono in una nota le senatrici del Pd Silvana Amati, Monica Cirinnà, Manuela Granaiola e Daniela Valentini.

Leggi tutto...
 
Con le unioni civili è appena iniziato il cammino verso l’uguaglianza PDF E-mail
Sala Stampa - Rassegna stampa unioni civili

L’11 febbraio sono entrati in vigore i tre decreti attuativi della legge sulle Unioni Civili, pubblicati in Gazzetta ufficiale dopo la recente approvazione da parte del Consiglio dei Ministri. Si chiude così, a tutti gli effetti, un percorso lungo, faticoso, iniziato ormai tre anni fa in Commissione Giustizia, e poi in aula prima al Senato e successivamente alla Camera, dove la Legge 76/2016 è stata approvata l’11 maggio dello scorso anno. Un percorso politico collettivo, ma anche personale, che riguarda me, come donna e come persona che fa politica per passione.

Ho avuto il privilegio di poter lottare per cambiare e migliorare la vita di centinaia di migliaia di cittadini fino a ieri invisibili e senza diritti. Un lungo iter parlamentare che riguarda l’Italia, un Paese che aveva necessità e desiderio di cambiare, di innovarsi, di cominciare a diventare più giusto, specialmente con quei cittadini lgbt che gridavano ormai da trent’anni che loro esistevano, che esistevano le loro vite, le loro famiglie i loro amori. Cittadini che non avrebbero più sopportato, di essere ignorati e discriminati dell’ordinamento giuridico che per troppi anni li aveva esclusi da tutti i diritti civili e sociali.

Leggi tutto...
 
Firma storica per i diritti nel nostro Paese PDF E-mail
Sala Stampa - Rassegna stampa unioni civili

“La firma del governo sul decreto attuativo sulle unioni civili segna in modo definitivo e storico il corso dei diritti civili del nostro Paese. La legge diventa così pienamente operativa e tutti i Comuni sono ora in grado, nel giro di pochi giorni, di celebrare le prime unioni. E’ il punto di arrivo di una riforma epocale, attesa da troppo tempo, che consentirà finalmente piena cittadinanza a tante coppie.

Da oggi la stagione dei diritti, voluta con tenacia dal governo Renzi, è una realtà insindacabile e, con una certa emozione, auguro tanta felicità a tutti quegli uomini e quelle donne che vorranno e, finalmente, potranno vedere riconosciuto il loro amore”. Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà.

http://www.senatoripd.it/giustizia/cirinna-firma-storica-diritti-nel-nostro-paese/

 
Un gran giorno per il nostro paese PDF E-mail
Il Mio Impegno - ---> Unioni Civili

Questo 11 maggio è un gran giorno per il nostro Paese e per la nostra democrazia. Un momento storico che segna il passo sul tema dei diritti in Italia: passiamo dal diritto di famiglia al diritto delle famiglie. Da oggi cambierà la vita di molte persone e sono certa che questa legge porterà felicità a chi fino ad ora non l'ha avuta. 
Da oltre 30 anni l'Italia aspettava di fare questo passo un primo passo, ma un passo importante. Il Parlamento ha per troppo tempo ignorato la richiesta di diritti e di dignità che veniva dalla coppie di persone dello stesso sesso, non legittimando l'esistenza di tanti cittadini e delle loro scelte di vita. Non potevamo più attendere, non potevamo far passare altro tempo da quando nel lontano 2010 la nostra Corte Costituzionale con la sentenza 138 chiese al Parlamento di provvedere con "estrema sollecitudine" al riconoscimento delle coppie omosessuali. 
Nonostante arrivassimo con questo enorme ritardo c'è stato addirittura chi in Parlamento ha lamentato ancora con sfacciataggine l'assenza di confronto. Sono grata a tutti coloro che hanno lavorato in Parlamento per arrivare a questa legge pur nella delusione di non aver dato una risposta completa a tutti. Abbiamo fatto un passo e altri se ne faranno. Il mio pensiero va anche a tutti coloro che hanno messo in gioco la loro vita e le loro storia d'amore lottando al nostro fianco, penso anche a chi è rimasto schiacciato dalla paura, dalla discriminazione e dall'omofobia. Penso con amore e riconoscenza alle famiglie arcobaleno che ancora subiscono discriminazioni.

 


Pagina 1 di 2
www.monicacirinna.it - Monica Cirinnà - Senatrice della Repubblica per il Partito Democratico. Template basato su sorgente della Next Level Design

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookies e per sapere come bloccarli, vedi la nostra cookies policy.

Accetto i cookies da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information