Fotogallery Menu

Seguimi su Facebook

Home Il Mio Impegno ---> per gli Animali
---> per gli Animali
Animali - senatrici PD: randagismo non si previene con una tassa sui pets non sterilizzati Stampa E-mail
Mercoledì 16 Novembre 2016 19:04

Leggi tutto..."Abbiamo chiesto che venga ritirato l'emendamento che introduce una tassa comunale annuale per i proprietari di cani non sterilizzati, presentato alla Camera alla Legge di Bilancio 2017. Riteniamo, infatti, che la proposta, come formulata, non sia adeguata a contrastare il drammatico e crudele fenomeno del randagismo. Pesa, invece, irragionevolmente, sulle significative spese che i proprietari di animali già affrontano per cure e farmaci veterinari".

Leggi tutto...
 
Comunali: Cirinna' a Raggi, s'informi prima di parlare sui canili Stampa E-mail
Lunedì 23 Maggio 2016 14:54

"La candidata Raggi, prima di affrontare temi amministrativi complessi e di citare fatti e persone, dovrebbe studiare i dossier o almeno farsi spiegare come stanno le cose. Riguardo quanto afferma sui canili comunali, la informo che fui proprio io, in qualità di Delegata per la tutela degli animali, a indire, per la prima volta nella storia del Comune di Roma, due manifestazioni di interesse pubblico: la prima nel 2004 e la seconda nel 2008.

Una gestione limpida, trasparente e con l'unico interesse del benessere degli animali. Poi è venuta l'amministrazione Alemanno che non solo non ha dato seguito all'applicazione della gara del 2008, ma non ha compiuto nessun altro atto amministrativo. In pratica non ha fatto nulla. Mentre gli atti della Giunta successiva o sono state impugnate o sono andate deserte. Se la candidata Raggi ha a cuore il tema degli animali romani le suggerisco di studiare un po' meglio così da evitare di essere indotta in errori clamorosi".  Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinnà.

 
Saranno adeguate le risorse per l’applicazione della convenzione di Washington a tutela delle specie protette e per la gestione degli animali esotici confiscati dallo Stato. Stampa E-mail
Martedì 22 Dicembre 2015 16:37

Via libera definitivo della Camera. E’ legge grazie alla LAV.

L’articolo 75 del Collegato ambientale alla Legge di Stabilità, approvato definitivamente oggi dalla Camera dei Deputati, sblocca un’assurdità che non permetteva dal 2000 di fornire risorse sufficienti all’applicazione della Convenzione di Washington a tutela delle specie in via d’estinzione, mettendo finalmente a disposizione adeguate risorse per la cura e la gestione degli animali confiscati per violazioni alla CITES e la relativa Legge 150 del 1992.

Fino a ieri i diritti di prelievo del Ministero dell’Ambiente erano fissati a un ridicolo importo di 15,49 euro a prescindere dall’entità dell’importazione autorizzata. Era scandaloso che tali spiccioli, in riferimento ad attività commerciali e anche di lusso, si riferisse al rilascio della licenza o del certificato di importazione senza tenere in alcuna considerazione il numero di animali o parti di animali importati o il loro valore…

La logica conseguenza di questo stato di cose ha comportato che l’importo derivante dai diritti speciali di prelievo non sia stato sufficiente per ben quindici anni a far fronte alle esigenze del sistema CITES a partire dalle risorse a disposizione per l’accudimento degli animali confiscati. Infatti la carenza di questi fondi ha determinato gravissimi effetti sugli animali confiscati ad attività economiche che sono rimasti presso le stesse e nonostante la confisca, impiegati negli stessi spettacoli o attività economiche.  

Ora, grazie a un emendamento proposto dalla LAV e fatto approvare dalle senatrici Cirinnà, Amati, Granaiola e altri,  il Ministero dell’Ambiente avrà il diritto di rivalutare con cadenza triennale la misura dei “diritti speciali di prelievo”. Dalle oltre 50mila licenze e certificati di importazione che sono i movimenti registrati in Italia ogni anno, cui corrisponde un valore di decine di milioni di euro di specie importate, si potranno ora fissare adeguati importi dei diritti speciali di prelievo per far fronte a tutte le esigenze e vigileremo affinchè tali importi siano proporzionali al volume delle specie importate.    

La LAV dedica questo significativo passo in avanti alla memoria di Massimiliano Rocco, già responsabile Cites del Wwf, scomparso nei giorni scorsi, ispiratore a suo tempo di questo emendamento.

Leggi le disposizioni approvate
 
Cirinnà: contro gli storni i falchi non sono efficaci Stampa E-mail
Martedì 17 Novembre 2015 21:44

Leggi comunicati LIPU e LAVL'iniziativa del Municipio I contro gli storni va nella direzione sbagliata. L'uso della falconeria è infatti inefficace oltre che vietata dal Regolamento comunale sulla tutela degli animali e moralmente inaccettabile. L'esperienza di questi anni ci ha infatti insegnato che questo espediente non determina l'allontanamento degli storni, ma soltanto il loro momentaneo spostamento. Ottimi risultati si ottengono invece con il "distress call", il grido d'allarme emesso in caso di pericolo.
E' la tecnica utilizzata per circa 15 anni dal Comune di Roma e, inspiegabilmente, abolita. Lo ricorderanno bene i cittadini che abitano nelle zone colpite dal fenomeno: per molti anni non hanno più dovuto camminare per strada con ombrelli e le strade, come le macchine, non erano più imbrattate di guano.

Leggi comunicati LIPU e LAV
 
Animali: Cirinnà, punire maltrattatore, è socialmente pericoloso Stampa E-mail
Lunedì 09 Novembre 2015 18:57

Morti gli otto cuccioli di Quincetto 

“Non ce l'hanno fatta gli otto cuccioli gettati da un viadotto sabato scorso a Quincinetto. La normativa italiana, grazie alle innovazioni introdotte negli ultimi anni, mette il nostro Paese all'avanguardia in Europa per tutela degli animali. Occorre colpire in modo severo i maltrattatori e per fare questo è necessario un impegno serio delle forze dell'ordine. Il mio appello va, quindi, al questore e prefetto di Ivrea perchè chi si è macchiato di questo reato venga puntio. 
Ricordo, a chi volesse sminuire un simile gesto, che chi riesce a compiere atti efferati nei confronti di esseri viventi indifesi è sempre una persona che riesce a fare violenza anche su esseri umani ed è quindi pericoloso socialmente. È questo il motivo per il quale l'impegno delle forze dell'ordine deve essere massimo 

 
Bufale su FB? Il maltrattamento degli animali non è stato depenalizzato Stampa E-mail
Lunedì 08 Giugno 2015 07:48

Per chi avesse ancora dei dubbi o volesse verificare le notizie prima di condividere post senza nessun fondamento vi allego, dalla Gazzetta Ufficiale, la parte del decreto n.26/2015 sulla non punibilità per tenuità del fatto. In questo articolo trovate il comma che esclude, in modo espresso, dalla sua applicabilità il maltrattamento di animali.

Questo reato ignobile resta e resterà sempre perseguito e punibile con le pene previste nel codice penale.

Leggi tutto...

 


Pagina 1 di 25
www.monicacirinna.it - Monica Cirinnà - Senatrice della Repubblica per il Partito Democratico. Template basato su sorgente della Next Level Design

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookies e per sapere come bloccarli, vedi la nostra cookies policy.

Accetto i cookies da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information