Confrontiamoci nel Congresso, ma con onestà intelletuale e senza attacchi personali

0 Comment
12174 Views

Ringrazio Dario Ballini per le parole che ha speso per me, lo ringrazio di cuore con stima e amicizia vera.
Per avere espresso alcune critiche politiche all’intervista di Minniti di ieri, sono stata fatta oggetto di un attacco scomposto e certamente organizzato, come troppo spesso avviene nel nostro Partito. 
Che questo accada all’apertura del Congresso – il momento in cui, sovranamente, la comunità decide di se stessa e del proprio futuro – è grave e significativo. Peraltro, la mia valutazione dell’operato di Minniti sul piano delle politiche su sicurezza e immigrazione non è isolata nè nuova: non ricordiamo più la reazione ferma di Delrio alle decisioni in materia di sbarchi e respingimenti, e il suo condivisibile richiamo all’esigenza di conciliare regolazione dei flussi e politiche di umanità? Non ricordiamo più le affermazioni, tardive, di dirigenti di primo piano – tra cui Orfini – all’indomani della sconfitta elettorale?

Il 4 marzo dovrebbe averci insegnato che – ad imitare malamente le politiche della destra – si fa solo e soltanto il gioco di quest’ultima. 
E io rivendico il diritto di dirlo ad alta voce, specie durante il Congresso. Che, per questo, mi si accusi di disonestà o peggio ancora di ingratitudine, è semplicemente vergognoso.

Ho riconosciuto, sempre, i meriti di tutti coloro che hanno aiutato il difficile percorso parlamentare delle unioni civili. Ma non per questo ho rinunciato alla mia libertà di pensiero e di critica, separando il mio cammino da quello di alcuni di loro.
La miglior forma di gratitudine è l’onestà intellettuale, che porta con sè il confronto politico franco e leale, ma anche serrato ed aspro, quando ciò è necessario. 
Grazie Dario davvero la solidarietà e la lealtà sono virtù ormai rare nel nostro partito.

Per leggere il post di Dario Ballini clicca qui:
https://www.facebook.com/darioballini/posts/10218247812973196

 


Leave your comment