D’ Alema manda a nozze il Pd: si sposano Montino e Cirinnà

0 Comment
45 Views

Matrimonio Cirinnà MontinoUna storia d’amore intrecciata alla politica: domani il matrimonio, anche se è venerdi. Passioni comuni e anche diversità profonde: lei e vegetariana, ma per lui che adora la carne cucina la trippa senza assaggiarla.

Contro ogni superstizione si sposeranno di venerdì. E come data hanno scelto il10 giugno, perche il 10 e il «loro» numero. Monica Cirinnà, consigliere comunale del Pd ed Esterino Montino, capogruppo deld alla Regione, hanno deciso di convolare a nozze: un matrimonio intima e semplice, invitati gli stretti parenti e pochissimi amici, ma un officiante importante come Massimo D’Alema.
 La lista dei regali e in un vivaio, alberi e arbusti per la loro casa di Capalbio, e niente bomboniere: quello che avrebbero speso e state inviato a «Sensational onlus» in favore di una biblioteca per gli abitanti di uno dei quartieri più poveri di Buenos Aires.

Un amore nato tra i banchi dell’aula Giulio Cesare, sperimentate da anni di vita in comune nella casa che stanno per lasciare in centro (sono stati sfrattati, andranno a piazzale Clodio); adesso la decisione di sposarsi «per consolidare definitivamente il rapporto», spiegano a una voce. Li unisce la passione di entrambi per la politica, per i viaggi, la vita all’aria aperta e la campagna; Ii divide la passione di lui pel un bel piatto di carne -lei e strettamente vegetariana, anche se poi per farlo felice a volte gIi cucina perfino la trippa senza assaggiarla – e l’interesse di lei per gli animali e in particolare per i gatti, mentre lui preferisce i cani, ne hanno ben quattro.
Ma lo scontro più forte e stato sulla caccia: lei da animalista della prima ora e ferocemente contro, lui cacciatore ha appeso il fucile solo dopo la morte del padre, suo inseparabile compagno di battute a lepri e anatre. Si sono «visti» per la prima volta fra i banchi del consiglio comunale nel novembre del 1993: insediamento della prima amministrazione di Francesco Rutelli. Lei è  alla sua prima esperienza come consigliere dei Verdi: lui al suo terzo mandato come consigliere del Pds.
E «ci siamo subito odiati – racconta Monica – anche perche mi hanno fatto immediatamente sapere che lui era un cacciatore ». «Ci siamo ignorati per diverso tempo – dice invece Esterino – Poi, siccome lei era seduta negli scranni dell’estrema sinistra, per andare verso Ia presidenza mi doveva sempre passare davanti. Cosi a un certo punto l’ho notata, con quest’aria sempre un po’ spocchiosa, tutta piena di se che non dava mai confidenza. Più la guardavo e più mi intrigava …».
Per farsi notare lui e sceso sul suo terreno: ogni volta che lei passava davanti al suo banco “miagolava”, ma lei gli rispondeva male. E’ andata cosi per piu di un anno, fino a che furono entrambi chiamati dal sindaco, Francesco Rutelli, per discutere insieme il progetto di un’associazione (che aveva chiesto a lui consigliere esperto di intercedere presso quell’animalista neo  eletta) che voleva liberare in città  dei falchi pellegrini per combattere  gli storni. Lei, come delegata ai  «Diritti degli animali» è da subito  contraria, ma lui insiste: per questo  un giorno vanno insieme a Formello  a vedere il centro di recupero  dei rapaci. «Tomo e dico al sindaco  che quel progetto non va: degli  storni si occuperà la Lipu».
Lui  pensa che «è una montata», i rapporti  si raffreddano e cessano anche  i «miagolii» al suo passaggio. Ma il destino voleva altrimenti. Esterino Montino è nominato da  Francesco Rutelli assessore ai Lavori  pubblici; Monica Cirinnà «si sente  morire» perché nel programma  dell’amministrazione c’è la costruzione  di un nuovo canile, cosi sono  costretti a frequentarsi di nuovo.
Ma proprio il canile è stato galeotto.  «Effettivamente l’abbiamo costruito  – racconta Montino – Ho  trovato un terreno adatto alla Muratella  e dato incarico a un architetto  di prendere contatto con l’ufficio  Diritti animali». <<La discussione  è stata lunghissima – chiarisce  la Cirinnà – perché lo volevo innovativo,  dove i cani non fossero rinchiusi  nelle gabbie. Inoltre ero convinta  che su quel progetto mi giocavo  tutta la partita politica,  quindi anche se  lui era aggressivo, ho  capito che ci dovevo  trattare: è stato allora  che ho scoperto che è  un generoso, perché  nonostante in quel  periodo avesse la responsabilità dei cantieri  del Giubileo,  metteva la sua attenzione,  la sua esperienza  e perdeva del tempo  anche su quel progetto.  E alla fine mi  sono intenerita».
Lui fa un certo pressing per andare a  vedere insieme la località  prescelta: e lì, sulla collina deU1nfernaccio,  il primo bacio. 
«Un luogo per  nulla romantico, tra i  rifiuti tossici industriali  – raccontano  insieme – diversi rottamatori  di auto, antenne  varie, un deposito dell’ Atac e  i campi rom». Lui, però, «quella sera  ha incassato un doppio sÌ – ammette  Monica – all’area del canile e  all’inizio della nostra storia».
Prima  del secondo incontro, in un luogo  bellissimo, al giardino degli  Aranci al tramonto, è passato qualche  giorno. E lui, allora, ha chiarito  subito la situazione: «Ho 15 anni  più di te, un divorzio, una separazione  in corso e quattro figli»; <<Anche  io ho avuto un marito – sono  le parole di lei – non ho figli e sarà  quel che sarà». I primi tempi per  non farsi scoprire andavano  a cena sempre  fuori Roma, per  lo più a Torvaianica o  fuggivano all’estero:  «II nostro problema  era evitare che si parlasse della “tresca”  tra la consigliera e  l’assessore». Poi nel 1998 inizia la vita in  comune e poco più  tardi arriva anche la  l o r o, « vera» casa ,  l’azienda agricola a  Capalbio, dove riescono  a conciliare le passioni per  l’agricoltura e per gli animali, dove  hanno coinvolto i figli di lui: «ma i  suoi nipoti mi devono chiamare  zia e non nonna!». E nel tempo anche  le iniziali differenze politiche  si sono assestate: ‘adesso sono tutti  e due ne lPd.

Lilli Garrone

 

Tratto dal Corriere della Sera – Roma (vedi allegati)


Vanity Fair - Monica Cirinnà: «Non toccate la legge sulle unioni civili»

La prima firmataria della storica legge, rieletta in Senato, teme...

Rientrati attivisti diritti lgbt a fiumicino

Italiani fermati in Russia, rientrati a Roma (2)(ANSA)

  FIUMICINO, 29 GIU - I cinque attivisti italiani rientrati...

Leave your comment