Mediaset: la presunta frode al centro del processo

0 Comment
39 Views

Care amiche e amici,

pubblico un interessante articolo dell’Ansa che spiega chiaramente e sinteticamente l’oggetto del processo Mediaset di cui tanto si parla. 

Monica

(ANSA) – MILANO, 31 LUG – Un ”preciso progetto di evasione” che si e’  sviluppato in ”un arco temporale molto ampio” e con ”modalita’ molto  sofisticate” di cui Silvio Berlusconi sarebbe stato il ‘regista’ e che e’  proseguito dopo la sua ”discesa in campo”, anche quando era capo del Governo. 
E’ quanto e’ contestato al Cavaliere nel processo sulle presunte irregolarita’  nella compravendita dei diritti tv Mediaset nel quale e’ stato condannato in  primo e secondo grado a 4 anni di carcere e a cinque di interdizione per una  frode fiscale relativa al 2002 e al 2003 (per i due anni precedenti e’ caduta  in prescrizione) che ammonta a 7,3 milioni di euro. Secondo la ricostruzione  delle indagini milanesi il meccanismo alla base del presunto ”preciso progetto  di evasione” e’ riconducibile all’interposizione fittizia di societa’. Per  l’accusa, in questo caso, Mediaset dichiarava l’acquisto di un determinato film  da una major americana (ad esempio la Paramount Pictures) ad una certa cifra,  quando in realta’ il film ne costava una inferiore.
Cosi’ facendo, la societa’  faceva fuoriuscire dall’Italia la differenza di costo versata per ogni film.  Una cifra che veniva peraltro iscritta a bilancio come costo della societa’, e  quindi deducibile ai fini fiscali, mentre in realta’ quelle somme sarebbero  transitate all’estero su conti riconducibili a terzi. L’interposizione  ‘fittizia’ si concretizzava nell’operato delle societa’ intermediarie che  rivendevano il film a Mediaset, le quali operavano in America acquistando i  diritti dalla major, per poi dichiarare di rivenderli a Mediaset dopo una serie  di compravendite fra societa’, che portavano al rincaro progressivo del prezzo.  Tutto questo con il solo scopo di creare una serie di operazioni fittizie, di  pura contabilita’, che giustificassero i successivi rincari del film. L’Erario  cosi’ avrebbe incassato minori imposte per effetto di ‘indebita deduzione di  costi fittizi’ e ‘maggiori quote di ammortamento fiscalmente deducibili’.  (ANSA). BRU 31-LUG-13 19:11 NNNN


Emendamenti ddl Piccole Isole

Oggi ho preso parola in aula per illustrare i miei...

Caso Cucchi: finalmente la verita'

Sul caso Cucchi finalmente la verità sconfigge i pregiudizi.  Anni...

Leave your comment