Prostituzione: ddl Senato, si’ regolamenti con diritti e doveri

0 Comment
39 Views

(AGI) – Roma, 4 mar. – Regolamentare il fenomeno della prostituzione, attribuendo ai sex workers diritti e doveri, consentendo l’introduzione di misure di prevenzione delle malattie sessuali e, soprattutto, l’eliminazione di quello che, ad oggi, si colloca dentro e fuori questo universo: droga, criminalita’ e sfruttamento.
E’, di fatto, l’obiettivo della proposta di legge presentata oggi da Pd e Fi, in una conferenza stampa con Maria Spilabotte, Valeria Fedeli, Rosa Maria De Giorgi, Monica Cirinna’, Sergio Lo Giudice, la senatrice di Forza Italia Alessandra Mussolini ed Efe Bal , transessuale che porta avanti la battaglia per la regolamentazione anche fiscale del settore. Iscrizione alla Camera di commercio, certificato di idoneita’ psicologica e obbligo di uso del profilattico alcune delle misure previste. “Matteo Renzi faccia qualcosa per queste 40-50mila persone che ogni giorno fanno questo lavoro anche se qualcuno pensa che sia schifoso”, ha detto Efe Bal in conferenza stampa.

(AGI) Prostituzione: ddl Senato, si’ regolamenti con diritti e doveri (2)= (AGI) – Roma, 4 mar. – In Italia, ha spiegato Spilabotte, si stimano 70mila prostitute circa per 9 milioni di clienti. Con un’attivita’ che porterebbe nelle casse dello Stato una cifra stimata fra i 5 e i 10 miliardi l’anno. Per sottrarre allo sfruttamento le persone che, per ragioni di obiettiva debolezza, vengono assoggettate e per sottrarre un mercato alle regole della clandestinita’ ed alla contiguita’ con il mondo criminale, la proposta opera sul versante civile e su quello penale. Partendo da quest’ultimo fronte, nel ddl il reato di prostituzione coattiva e’ punito con la reclusione dai 5 ai 10 anni e la multa da 5000 a 50mila euro; il reato di reclutamento e induzione alla prostituzione con una pena che va dai due ai sei anni di reclusione e la multa dai 3000 ai 30.000 euro anche per chi controlla locali aperti al pubblico dove si esercita la prostituzione.
Si stabilisce quindi il divieto di prostituzione in pubblico, ma anche la possibilita’ che gli enti locali possano individuare zone in cui e’ consentita. In tali luoghi, si prevede, vengono promosse anche misure volte alla riduzione del danno sociale e sanitario, come il controllo della criminalita’ e interventi a tutela della salute, garantendo presidi sanitari e la presenza di corpi di polizia a composizione prevalentemente femminile. Nel ddl non e’ passibile di punizione chiunque eserciti la prostituzione utilizzando la privata dimora di cui ha disponibilita’, anche ospitando persone, ma senza che intermediari conviventi traggano profitto dall’attivita’ altrui. C’e’ il divieto della presenza di minori anche se figli. E non e’ passibile di punizione nemmeno chi affitta legittimamente un appartamento a chi esercita la prostituzione. Si prevede poi , per l’esercizio volontario della prostituzione, fra l’altro, anche l’iscrizione alla Camera di commercio e il possesso di un certificato di idoneita’ psicologica ottenuto presso una Asl. Si introduce, infine, per la prevenzione delle malattie, l’uso obbligatorio del profilattico. (AGI)

{phocagallery view=category|categoryid=5|imageid=855}


India, decisione storica; l'omosessualità non è più reato

Le Costituzioni sono organismi viventi e aiutano le società a...

Vanity Fair - Monica Cirinnà: «Non toccate la legge sulle unioni civili»

La prima firmataria della storica legge, rieletta in Senato, teme...

Leave your comment