Quote Rosa Cirinnà, bozza statuto inaccettabile

0 Comment
47 Views

(ANSA) – ROMA, 17 DIC – «L’attuale formulazione dell’articolo 25 della bozza di Statuto di Roma Capitale che ha avuto l’ulteriore iter in commissione è inaccettabile. È davvero ambiguo e subdolo il richiamo alla legge nazionale che prevede la rappresentanza di genere ad un terzo; questa norma si riferisce alle nomine nei cda di aziende pubbliche o partecipate. Non è assolutamente applicabile agli statuti comunali, neanche con un’interpretazione di tipo estensivo». Così la consigliera capitolina del Pd Monica Cirinnà.

«La democrazia paritaria, in ossequio al dettato costituzionale degli artt 3 e 51 – aggiunge – è ormai imprescindibile per chiunque voglia parlare in modo serio e concreto di rinnovamento. Ho chiesto al capogruppo Marroni di uscire dall’ambiguità e presentare un emendamento a firma di tutti i consiglieri del gruppo Pd che reciti ‘Fra i nominati (nella giunta) è garantito un numero pari di uomini e di donnè. Tutto il resto sono chiacchiere».


affido condiviso

Affido condiviso: bene Spadafora su Ddl Pillon, urge stop in Commissione

Le dichiarazioni del sottosegretario Spadafora sul ddl Pillon vanno prese...

Si chiama ‘affido condiviso’, ma ddl porta Italia indietro di 50 anni

Il disegno di legge del leghista Pillon sul cosiddetto ‘affido...

Leave your comment