SICUREZZA, CIRINNÀ (PD): ALEMANNO CHIEDA A GOVERNO SOLDI PIUTTOSTO CHE VANTARSI (OMNIROMA) Roma, 14 SET –

0 Comment
13 Views

«Roma, purtroppo, è una città ancora molto insicura e pericolosa, soprattutto per le giovani donne. L’episodio della donna molestata stanotte mentre rientrava a casa non è il primo, e l’arresto di un uomo, autore di uno stupro ai danni di una prostituta romena, avvenuto questa notte non deve essere strumentalizzato dal sindaco Alemanno, perché la nostra città è caduta in una spirale di violenza, di insicurezza e di degrado che è sotto gli occhi di tutti, e fatti simili sono ormai all’ordine del giorno.

Non serve a nulla compiacersi se la città è insicura e la prostituzione, anche minorile, ha invaso le nostre strade. Alemanno pensi a fare il sindaco e a chiedere al Governo, contro il quale manifesterà domani, soldi per pagare le forze di polizia che ogni giorno lavorano sul nostro territorio per la sicurezza dei cittadini, piuttosto che vantarsi per i successi purtroppo solo parziali». Lo dichiara Monica Cirinnà, consigliera Pd e presidente della Commissione delle Elette di Roma Capitale: «Inoltre, la proposta di una legge nazionale che introduca il reato di prostituzione è l’ennesima risposta maschilista che ha come vittime esclusive migliaia di donne, oggetto di tratta e di sfruttamento. Anche in questo caso, Alemanno potrebbe chiedere al Ministro dell’Interno Maroni, che siede nella sua stessa coalizione di partito al livello nazionale, che la lotta al racket della prostituzione sia messa ai primi punti all’ordine del giorno della sua azione politica. Sarebbe sicuramente più efficace della solita propaganda che ormai ha stancato i romani che ogni giorno, peraltro ne rilevano la falsità». red 141710 SET 11


Vanity Fair - Monica Cirinnà: «Non toccate la legge sulle unioni civili»

La prima firmataria della storica legge, rieletta in Senato, teme...

Rientrati attivisti diritti lgbt a fiumicino

Italiani fermati in Russia, rientrati a Roma (2)(ANSA)

  FIUMICINO, 29 GIU - I cinque attivisti italiani rientrati...

Leave your comment