Violenza donne. Cirinnà: “Stop permesso di soggiorno a bengalese e no a nuovo ingresso in Italia”

0 Comment
70 Views

“Al cittadino Bengalese che ieri sera, al Quadraro, ha sfregiato con l’acido muriatico la moglie e ferito la figlia deve essere revocato, una volta condannato, il permesso di soggiorno se ne è in possesso ed impedito di rientrare per sempre nel nostro paese quando avrà scontato la pena per il reato commesso o comunque dopo l’espulsione.

 Chiedo al Ministero dell’Interno e alla Questura di Roma di assicurare che a questo signore che si è macchiato dell’ennesima aggressione contro una donna, non sia più permesso l’ingresso nel nostro paese.

Credo che la revoca del permesso di soggiorno e il divieto di ingresso nel nostro paese, sia una misura da applicare anche prima della condanna definitiva e ogni qual volta un cittadino straniero commette aggressioni e reati contro le donne, a tale proposito presenterò immediatamente un emendamento al ddl femminicidio, in discussione nelle commissioni in Senato. 

Sono certa che il Sindaco Marino e il consiglio comunale tutto voglia sollecitare il ministero dell’interno affinché la revoca del permesso di soggiorno divenga prassi per questo tipo di reati e che il centro anti violenza del comune di Roma saprà come prendersi  cura della signora e della bambina  oggetto ambedue  della brutale  aggressione dell’uomo.”

 

E’ quanto dichiarato in una nota dalla senatrice del PD Monica Cirinnà

 


affido condiviso

Affido condiviso: bene Spadafora su Ddl Pillon, urge stop in Commissione

Le dichiarazioni del sottosegretario Spadafora sul ddl Pillon vanno prese...

Si chiama ‘affido condiviso’, ma ddl porta Italia indietro di 50 anni

Il disegno di legge del leghista Pillon sul cosiddetto ‘affido...

Leave your comment