La Voce dei Diritti

0 Comment
1265 Views

Si parte. Sarà un mese durissimo, ma il lavoro non mi spaventa. Ho imparato, in particolare in questa legislatura, che le grandi fatiche possono portare anche grandi soddisfazioni.

Ho accettato la responsabilità di essere la capolista del Partito Democratico nel collegio plurinominale del Lazio 3, un’area vastissima che comprende i territori di Frosinone, Latina, Velletri e Roma-Fiumicino, oltre a essere candidata nel collegio plurinominale del Lazio 2 che corrisponde a tutta la restante zona nord della Regione (Viterbo, Rieti, Guidonia-Montecelio, Roma-Collatino).

Un viaggio impegnativo che mi porterà a incontrare tanti di voi per ascoltarvi, scambiarci idee e opinioni e per rinnovare il mio impegno a lavorare per un Paese migliore, più civile, più equo, più giusto.

Diritti per tutte e tutti

In questa legislatura, ho combattuto in prima linea per i diritti civili perché credo che ogni diversità sia un valore e una ricchezza. Con la legge sulle unioni civili, ho contribuito a portare felicità e dignità nella vita delle persone. Migliaia di coppie sono finalmente visibili ed esistono per lo Stato. Abbiamo affermato che i diritti non sono mai di pochi: l’eguaglianza è una risorsa di tutte e tutti, per questo la nostra meta è il matrimonio egualitario.

Il cammino dei diritti è ancora lungo, penso soprattutto:

  • a quelli delle donne, che non devono più subire violenze e soprusi, ma devono invece arrivare alla piena parità economica, politica e sociale. Dobbiamo ottenere il riconoscimento delle loro capacità, della parità salariale, oltre al diritto di trasmettere il cognome ai figli
  • ai diritti dei bambini: in questa legislatura abbiamo tutelato gli orfani di femminicidio, insieme alle vittime di crimini domestici, per garantirgli un futuro di lavoro e sicurezza
  • a lavorare per la piena eguaglianza dei diritti delle bambine e dei bambini, in qualunque famiglia essi vivano e in qualunque modo siano nati
  • a una riforma delle adozioni che riconosca la capacità genitoriale a tutti, ai single e a tutte le coppie conviventi, sposate e unite civilmente
  • a una legge che finalmente punisca ogni forma di omofobia
  • a dare piena cittadinanza a tutti quei minori nati in Italia da genitori stranieri regolari, bambini che parlano la nostra lingua, frequentano le nostre scuole e giocano con i nostri figli.

Dalla parte dell’ambiente e diritti degli animali

La mia esperienza politica nasce nell’ambientalismo: ho sempre cercato di mettere la tutela dell’ecosistema e di tutti gli esseri viventi al centro dell’agenda politica.

In questa legislatura, grazie al Partito democratico, abbiamo rafforzato gli strumenti di lotta contro gli ecoreati ed ecomafie. Abbiamo colpito duramente l’odioso fenomeno del caporalato e dato maggiore protezione ai testimoni di giustizia.

Ma molto resta da fare. Le scelte ecologiche sono la vera sfida decisiva di questo tempo, necessarie per lo sviluppo economico per creare lavoro e benessere, permettendo di lottare contro le disuguaglianze e la povertà.

Da sempre mi occupo della tutela degli animali e della lotta al randagismo.

Ho combattuto contro la sperimentazione sugli animali, ottenendo con le Associazioni animaliste la chiusura di Green Hill, l’allevamento in cui migliaia di beagles erano condannati a morte e sofferenza. Una di questi cuccioli – Libera – è ancora oggi con me e, insieme ad Orso e ai miei otto gatti riempie le mie giornate di amore.

Negli ultimi anni, abbiamo assistito all’aumento della presenza di alcune specie selvatiche e alla loro progressiva urbanizzazione.

Non è con un’inaccettabile liberalizzazione della caccia che si risponde ai problemi creati alle colture e al territorio. Si deve intervenire sulle cause più profonde del fenomeno, come il graduale abbandono di vaste aree dei nostri territori e i problemi legati allo smaltimento dei rifiuti, che attirano animali selvatici sempre più vicino alle aree abitate.

La risposta è una miglior cura del territorio, basata sull’equilibrio tra spazi coltivati e aree selvatiche attraverso la valorizzazione delle attività agricole e la tutela dei boschi.

Abbiamo dimostrato concretamente che i diritti non sono sogni. Per questo ho bisogno dell’aiuto di tutti. Soprattutto del tuo.


Solidarietà a Giorgio Zinno vittima di volgari minacce

“L’unione civile tra Giorgio Zinno e suo marito Michele è...

Leave your comment