AGGRESSIONE OMOFOBA A ROMA, CIRINNA’: BASTA MINIMIZZARE, È ORA DI APPROVARE LA LEGGE

0 Comment
122 Views

“Ieri alla Camera, durante la discussione generale sulla legge contro misoginia e omolesbobitransfobia, abbiamo ascoltato esponenti dell’opposizione dire che l’Italia non è un paese omofobo, che ci sono altre priorità e che non esiste un’emergenza legata all’odio e alla violenza contro le persone LGBT+.
Poche ore prima, un altro ragazzo era stato aggredito e malmenato nella periferia Roma, al grido di “brutto gay”. È l’ennesimo episodio di omolesbobitransfobia a Roma, una città che anche su questo tema è ormai allo sbando, segno di un tessuto sociale e culturale sfibrato, che avrebbe bisogno di essere “ricucito” da un’amministrazione davvero sensibile all’inclusione e al rispetto.
Fino a quando dovremo continuare a sgranare questo interminabile elenco di dolore? Fino a quando dovremo replicare ai disonesti che minimizzano, e che dicono che i numeri sono bassi, come se drammi di questo tipo si potessero misurare in quantità?
Finché anche una sola persona sarà oggetto di violenza per quel che è, o per chi ama, ci sarà bisogno di una legge: una legge che punisca i crimini d’odio e che al tempo stesso si occupi di prevenzione e sostegno delle vittime, per costruire una cultura del rispetto per la dignità di tutte e tutti.
Proprio come fa la proposta Zan, che il Partito democratico sostiene e sosterrà con decisione, fino alla sua approvazione”. Lo dichiara Monica Cirinnà, senatrice e responsabile del Dipartimento Diritti del Partito democratico.


Tragedia di Caivano

A Caivano un uomo ha speronato la sorella Maria Paola,...

Un altro caso "isolato". Cronaca dell'ennesima aggressione omofoba

L'ennesima storia di omofobia. L'ennesimo "caso isolato", come lo chiamerebbero...

Leave your comment