Ancora un’aggressione omofoba

0 Comment
18 Views
Gaetano e Stefano gestiscono una pizzeria, a Torino.
Hanno una relazione.
Questo è il pretesto che ha portato un anonimo omofobo a scrivere una lettera intrisa di ignoranza e insulti, con la quale ci ha tenuto a far sapere ai due titolari che, essendo loro omosessuali e dunque nella sua testa portatori di Aids, i clienti hanno paura a metter piede nel loro locale.
“Il male maggiore ce l’avete in corpo”, scrive.
No, anonimo, il male di questo Paese è l’intolleranza.
Motivo per il quale il Partito Democratico si è fatto promotore di una legge che si rifà alla legge Mancino che contrasta i reati di razzismo e prevede il carcere per chi istiga alla violenza omofobica.
Perché non se ne può davvero più di tanta ignoranza, di tanto odio.
Perché non è il Paese che vogliamo e per cui ci impegniamo ogni giorno.
La nostra solidarietà a Gaetano e Stefano.
Non siete soli.
 

Un altro caso "isolato". Cronaca dell'ennesima aggressione omofoba

L'ennesima storia di omofobia. L'ennesimo "caso isolato", come lo chiamerebbero...

Ancora omofobia, ancora rigurgiti fascisti

Questa mattina, per l’ennesima volta in pochi mesi, Roma si...

Leave your comment