Comune di Iseo: attacco alla libertà di scelta delle donne

0 Comment
25 Views

Dal Comune di Iseo ennesimo attacco alla libertà di scelta delle donne, tanto più grave perché “mascherato” da sussidio.
160 euro al mese alla donna, purché scelga di non interrompere la gravidanza: un progetto da far gestire, ovviamente, alle associazioni pro-vita con cui il Comune ha già siglato convenzioni. In un’area nella quale, come riporta la stampa locale, la presenza di medici obiettori è tale per cui non si sono potute praticare interruzioni di gravidanza per anni.

Un caso da manuale, insomma, che rivela ancora una volta il delicato stato di salute della cultura del rispetto e della libertà di scelta in tante aree del nostro Paese.

Una misura doppiamente grave. Anzitutto, perché la scelta di diventare madre o no non si compra, ma deve restare affidata alla responsabilità e alla libertà della donna di autodeterminarsi senza costrizioni.

E poi, perché il sostegno anche economico alla maternità non può essere confuso con un sussidio ideologicamente orientato ma richiede interventi strutturali, che riguardano l’accesso delle donne al mondo del lavoro, la parità salariale, l’equa distribuzione dei congedi parentali e, rimanendo in ambito comunale, la presenza e l’accessibilità di asili nido.

La libertà e la vita delle donne e dei loro figli sono cose serie: non si comprano con l’ideologia.

Qui la notizia lanciata da BresciaToday : https://www.bresciatoday.it/politica/iseo-aborto.html


Il ritorno delle cinture di castità!

E' curioso che il senatore Salvini parli di prevenzione a...

"Non dovevi fare un altro figlio, ora al lavoro ti faranno morire"

La vicenda di Chiara è davvero sconvolgente. È inammissibile che...

Leave your comment