Grave errore del servizio pubblico

0 Comment
105 Views

“Grave errore, ancora di più perché parliamo del servizio pubblico – commenta Monica Cirinnà, madrina della legge sulle unioni civili -. Rifiutare una campagna che parla di uguaglianza, quella prevista dall’articolo 3 della Costituzione, dimostra l’assoluta inadeguateszza dei vertici della Rai a fare dell’azienda pubblica quel soggetto deputato a rispondere al grande bisogno di educazioe e di cultura come unici strumenti contro ogni forma di discriminazione, dal bullismo, al razzismo all’omofobia”. “Rifiutare questi spot – insiste la senatrice dem – equivale al comportamento omertoso e complice che troppo spesso viene dalle istituzioni pubbliche”. Eppure la Rai ha mandato in onda trasmissioni che aprivono e aprono ai temi lgbt. “Stupisce a maggior ragione – conclude Cirinnà – visto l’immenso successo di “Stato Civile” e la sensibilità dimostrata con la messa in onda di “Storie del genere” che parla delle persone trans, le più discriminate tra le discriminate”. Lo dichiara la Senatrice Cirinnà.


Visita Rebibbia

Visita alla Casa circondariale di Rebibbia

Oggi, come parlamentare della commissione Giustizia e di quella Diritti...

Ddl Anticorruzione: no a pericolosa figura dell'agente provocatore

Un tempo si diceva che il diavolo si annida nei...

Leave your comment